Mese: Maggio 2015

I bulbi e le fioriture primaverili (maggio)

Postato il Aggiornato il

Maggio continua con l’esplosione floreale.

I pelargoni e le margherite coreane:

  

La pieris japonica e la weigelia:

 

 

La moneta del papa:

Le rose:

  

Il coreopsis e l’ornitogallo:

 

I garofani:

Gli iris e un bulbo di cui non ricordo il nome (…):

  

 

Le succulente:

 

Le calle:

 

Il filadelfo:

 

Semi / Maggio 2015

Postato il Aggiornato il

Le semine in contenitore alveolato di maggio:

  • Cavolo riccio nano
  • Zinnia ‘Pon Pon’
  • Zinnia ‘Dhalia’
  • Cocumelone
  • Tagete
  • Zucchina tonda ‘Round beauty’
  • Kiwano
  • Basilico greco
  • Basilico limoncello
  • Basilico thai
  • Basilico rosso
  • Cavolo riccio viola
  • Tomatillo
  • Carosello barattiere

+ tutti i peperoncini da tenere in vita come varietà:

  • Kazhako
  • Bih Assam
  • Diavoletto calabrese #1 e #2
  • Fulvia
  • Cayenna
  • Chad
  • Habanero chocolate (quello comprato aveva una virosi)

Orto / Maggio 2015

Postato il Aggiornato il

Ecco la pianificazione a 10 zone della situazione che si presenterà a fine maggio 2015, o poco più tardi. Questa pianificazione è pensata per cercare di offrire al meglio una rotazione delle colture a lungo termine. Le piante sono state prodotte in contenitore alveolato qualche tempo prima (A), seminate in pieno campo (S) o comprate in vivaio (C).

  1. Piselli (S/nov.14) e taccole (A)(x2), che sono però in esaurimento
  2. Lattuga (C) in esaurimento e carote (S/mar.15)(x2)
  3. Scalogno (S/nov.14), cipolla rossa (S/nov.14), aglio bianco e rosso (S/nov.14)(x2), fra poco verranno raccolti
  4. Pomodori (A)(x3)[brandywine-red pear-datterino giallo]+altri pomodori (C)[nero di crimea], basilico (C)
  5. Pomodori (A)[napoli v.f.]+altri pomodori (C)[datterino], basilico (C), friggitelli (C), peperone corno di toro rosso (C)
  6. Fagiolini metro (S), arachidi (S), runner bean ‘Scarlet Queen’ (S), fagiolini nani ‘Purple Queen’, runner bean ‘Trio’ (S), fagioli borlotti nani (S), fagiolini mangiatutto nani (S), Rapa ‘Violetta di Milano’ (S)
  7. Zucchine romanesche (C), melanzana violetta (C) + melanzana ‘White egg’ (A) + 2 melanzane ‘striate lunghe’ (C), okra (S)
  8. Carosello barattiere (A), Kiwano(S), Cocumelone (A), Cetriolo (C), Prezzemolo (A), Chia AA), Aneto (A), Cavolo cappuccio (C)
  9. Cipolla dorata (C), Cipolla rossa (C), Bieta argentata (A), Bieta colorata (A), Bietole colorate (A)
  10. Ramolacci (S), Rucola (S) in esaurimento, Ravanelli ‘French breakfast’ (S) in esaurimento

Chinotto

Postato il Aggiornato il

I miei due chinottini (Citrus myrtifolia) sono stati prodotti da seme circa 3 anni fa. E sono ancora minuscoli (25 cm)!

Questi piccoli agrumi (evidentemente) crescono molto lentamente, capisco quindi il costo delle piante adulte.

Come gli altri agrumi, li metto in pieno sole e li tengo bagnati a sufficienza, aspettando che il terreno si asciughi prima di dare di nuovo acqua. Poi lupini in inverno, concime liquido in estate e solfato ferroso tutto l’anno…

I miei non hanno ancora fatto fiori né (quindi) frutti, spero che un giorno arriverò a vederne qualcuno.

 

Kumquat

Postato il Aggiornato il

Dopo il rinvaso il mio kumquat (Fortunella japonica) sembra stare abbastanza bene.

Questo parente degli agrumi tradizionali è molto ornamentale e, dato lo sviluppo molto contenuto (quella in foto è una pianta adulta), adattissimo alla coltivazione in vaso. Sembra quasi un bonsai naturale!

Pieno sole e acqua a sufficienza, sempre aspettando che il terreno secchi leggermente fra una bagnata e l’altra.
Produce piccoli fiori bianchi un paio di volte l’anno, seguiti poi dai frutti che diventano dolci a maturazione e si mangiano con tutta la buccia, ottimi per conserve, liquori o in pasticceria. La mia pianta arriva a produrre raccolti da 2-3 kg in un anno.
Le concimazioni comprendono lupini a inizio e a fine inverno, concime liquido in primavera e estate e solfato ferroso quando le foglie cominciano a ingiallire (come al mio!).
Praticamente non ha malattie e sporadicamente può essere attaccato dagli afidi, senza però risentirne molto.

 

Crabapple (o melo ornamentale)

Postato il Aggiornato il

Lo scorso anno ho seminato alcuni semi di quello che credevo fosse un azzeruolo (Crataegus azarolus) recuperati da alcuni frutti, ma che poi si è rivelato (credo) essere un melo selvatico, o melo ornamentale, o crabapple (Malus spp.). La forma delle foglie è stato l’indizio determinante: i primi le hanno frastagliate tipo la foglia di quercia, i secondi (spesso) ovale con una leggera zigrinatura. In ogni caso, quest’anno le piantine stanno molto bene: quella più grande (in foto) ha le foglie più verdi, mentre una più piccina le ha di un bel color vinaccia.

Cercherò di allevarle ad alberello, quindi appena arrivate ad un’altezza soddisfacente, le cimerò e pulirò la parte bassa del tronco dalle foglie e dai polloni.

Con i frutti ci si possono fare ottime marmellate.

Le tengo in pieno sole e le innaffio regolarmente nella stagione calda. La concimazione comprende cornunghia in inverno e fertilizzante liquido da marzo a ottobre.

Speriamo l’anno prossimo di vedere qualche fiore!

 

Maggio

Postato il Aggiornato il

image

È proprio maggio!

¡Cebollas!

Postato il Aggiornato il

cipolle

520g (gambi esclusi) di cipollosità…
Sono le prime della stagione!

Fragolaia

Postato il Aggiornato il

Stavo guardando le mie fragole: quelle in vaso, quelle a terra (da quest’anno, un paio di piccole parcelle). Stiamo sicuramente sopra le 30 piante fra varietà a fiore bianco, qualcuna a fiore rosa e un paio a fiore fuchsia (dovrebbero essere tutte Fragaria × ananassa), più un paio di piante di fragoline di bosco (Fragaria vesca, che pare si stiano anche espandendo, si vede che stanno bene).

Le zone dove sono state impiantate o posizionate sono zone di semi-ombra e abbastanza fresche, ma luminose.
I trattamenti che vengono fatti sono una concimazione azotata in inverno (stallatico pellettato per le fragole standard e solfato ammonico per le fragoline) e un paio di concimazioni fosfo-potassiche in fioritura e in produzione: se il terreno dove stanno fosse meno fertile aumenterei il numero di queste ultime.
Soprattutto devo stare attento con l’acqua, che il terreno si secchi leggermente fra un’innaffiatura e l’altra: né troppo né troppo poco.